Torino, 23 febbraio 2018, "Se una notte d'inverno un traduttore..." La traduzione letteraria tra teoria e pratica | AITI sezione Piemonte-Valle d'Aosta
AITI sezione Piemonte-Valle d'Aosta

Torino, 23 febbraio 2018, "Se una notte d'inverno un traduttore..." La traduzione letteraria tra teoria e pratica


La sezione AITI Piemonte e Valle d’Aosta ha il piacere di invitare soci e non soci al seminario

"Se una notte d'inverno un traduttore..."
La traduzione letteraria tra teoria e pratica

Formatore: Laura Balbiani

Venerdì 23 febbraio 2018 - ore 10:00-17:00
Best Western Hotel Genova,
in Via Sacchi 14/B, Torino

Il seminario attribuisce 8 crediti formativi professionali ai soci AITI.

Quota d'iscrizione per i soci AITI (non rimborsabile e da versare contestualmente): euro 20,00 da versarsi secondo le modalità indicate nell'apposito modulo di iscrizione.
Quota di partecipazione per i non soci: euro 100,00 da versarsi secondo le modalità indicate nell'apposito modulo di iscrizione.

Le iscrizioni saranno aperte dal 19 gennaio, con prelazione per i soci AITI PVDA fino al 26 gennaio, e dovranno pervenire entro venerdì 16 febbraio.
Per iscriversi fare clic sul Modulo di Iscrizione.

Numero massimo di partecipanti: 25

Orari:
Registrazione dei partecipanti: 9:30 - 10:00
Seminario: 10:00 - 13:00 / 14:00 - 17:00
Pausa pranzo: 13:00 - 14:00.
N.B. L’organizzazione del pranzo e il costo non sono inclusi.

Formatore: Laura Balbiani
Germanista, ha studiato “Scienze linguistiche, filologiche e letterarie” a Milano e Heidelberg, e attualmente insegna lingua e traduzione tedesca all’Università della Valle d’Aosta. Dal 2000 è attiva come traduttrice soprattutto per la casa editrice Bompiani, per la quale ha già tradotto alcuni classici (nelle collane Testi a fronte e Il pensiero occidentale). La traduzione ha sempre svolto un ruolo importante nella sua attività lavorativa, sia nella didattica (tiene regolarmente corsi di mediazione linguistica e traduzione tedesco-italiano e laboratori di traduzione letteraria per l’Agenzia Herzog a Milano), sia nella ricerca: è infatti autrice di diversi saggi che affrontano il tema della traduzione dal punto di vista storico e teorico, ma sempre partendo dalla sua esperienza di traduttrice.

Programma:
La teoria della traduzione ha vissuto, in tempi recenti, molte ‘svolte’: la svolta linguistica, la svolta pragmatica, la svolta cognitiva, la svolta semiotica… In che misura questi rapidi cambiamenti nel modo di concepire la traduzione influiscono sulla pratica del tradurre, in particolare per la traduzione letteraria? Nella prima parte del seminario si presenteranno le ricadute pratiche delle diverse teorie traduttologiche che si sono susseguite in questi ultimi decenni.
Nella seconda parte si affronteranno aspetti specifici della traduzione letteraria, poiché la ‘svolta’ più significativa è quella che ogni traduttore compie una, dieci, mille volte quando si misura con un’opera letteraria, dove ogni parola mette di fronte a una scelta, costringe a cambiare direzione, tornare indietro, percorrere e ripercorrere la ‘strada’ del testo originale, fino a individuare una strategia che guidi il lettore di un’altra cultura sui passi dell’autore.
Attraverso l’analisi di molti esempi si vedrà come la centralità di questo lavorìo costante e continuo abbia ormai acquistato rilevanza non soltanto nel mondo della traduzione, ma anche per la cultura in generale: le dinamiche di acquisizione ed elaborazione del sapere sono determinate da scelte e strategie di analisi che, come è sempre più riconosciuto, sono in stretta relazione con la traduzione. Il tradurre, pertanto, non è più solo un complesso processo di mediazione, ma un prezioso strumento di formazione culturale che va promosso e valorizzato in contesti sociali condivisi.

ATTENZIONE: a iscrizione avvenuta, i partecipanti sono pregati di informare per tempo la Commissione Formazione esclusivamente all'indirizzo formazione@pvda.aiti.org qualora non potessero più partecipare all'evento, per consentire a chi è in lista d'attesa di subentrare.
Il socio AITI che non avvisi almeno 48 ore prima dell'evento la Commissione Formazione all'indirizzo formazione@pvda.aiti.org della sua impossibilità a partecipare non potrà iscriversi direttamente per i due eventi gratuiti successivi a numero chiuso.

Per qualsiasi informazione o chiarimento si prega di contattare la Commissione Regionale Formazione AITI PVDA via e-mail: formazione@aiti.pvda.org

Scarica qui la locandina dell'evento.

Come raggiungere la sede dell'evento

In treno
Dalla stazione di Porta Nuova:
• raggiungere l'atrio della biglietteria e uscire dal lato sinistro, su Via Sacchi
• attraversare Via Sacchi, svoltare a sinistra sotto i portici e raggiungere il numero 14/B

In autobus/tram/metro
• linee 4, 92 con fermata PORTA NUOVA in Via Sacchi
• linee 7, 9, 33, 52,  67, 68, 101 con fermata PORTA NUOVA in Corso Vittorio Emanuele II davanti alla stazione di Porta Nuova
• linea M1 della metro: scendere alla fermata PORTA NUOVA